Skip to content

Creatività e Innovazione: 6 consigli per le aziende

Data articolo: 8 Agosto, 2012
Data ultima modifica: 6 Dicembre, 2023
Creatività
Autore:

Se riconoscete voi o la vostra azienda in una o più delle seguenti tipologie, allora la vostra creatività è a rischio.

Il tipo “Siamo Occupati”. Sono occupato. Sono di fretta. Ho l’agenda piena. C’è da fare. Ho lavorato 30 ore in due giorni. Correre, muoversi, fare ora. Siamo sempre in ritardo.

Il tipo “A.A.A. Idee Cercasi” C’è bisogno di creatività. Cosa devo inventarmi? Ci vorrebbe qualcosa di nuovo? Se andiamo avanti così non va bene?

Il tipo “Lavoro=Guerra di Trincea”. Siamo sempre aperti. Chiamami pure quando vuoi? Sono sempre disponibile. No, niente ferie, bisogna lavorare.

Sempre più spesso quando vado in azienda sento un mix di queste tre tipologie di frasi. Le ferie sono viste come un oltraggio, il tempo come una specie in via di estinzione e la creatività come l’acqua nel deserto. Io stesso cado in questo perfido tranello.

Cerchiamo di capire come funziona e cosa possiamo fare per noi e per la nostra azienda.

CREATIVITÀ COS’È?

Wikipedia ci suggerisce sinteticamente “l’arte o la capacità di creare e inventare”. Secondo Cleese 

“La creatività non è un talento, è un modo di operare. È assolutamente estranea al quoziente intellettivo.” 

Il dottor D. Mackinnon ha anche scoperto che, oltre un certo livello minimo di intelligenza, creatività e intelligenza non sono necessariamente correlati.

La capacità di essere creativi sembra più correlata alla capacità di entrare in un determinato stato d’animo. Uno stato d’animo che secondo Mackinnon può essere descritto come quello stato di gioco che abbiamo quando siamo bambini. In questo stato le persone sono in grado di esplorare e scoprire, anche se potrebbe non esserci uno scopo pratico immediato al loro gioco. Giocare, dice Cleese, “permette alla nostra creatività naturale di raggiungere la superficie.”

COSA INFLUENZA LA CREATIVITÀ?

Se la definizione è utile capire cosa la influenza lo risulta ancora di più. Per aumentare la creatività è bene:

  1. Promuovere uno stato di apertura invece di uno di chiusura. La modalità di chiusura è quella che adottiamo la maggior parte del tempo al lavoro. Questa modalità è utile per lavorare e svolgere attività in modo procedurale. Non è che sia una modalità sbagliata, semplicemente è negativamente correlata con la creatività la quale predilige una modalità aperta fatta di opzioni, un agire rilassato, contemplativo e meno propositivo. La modalità aperta è più giocosa e incline alla curiosità. L’operatività aziendale e personale è fondamentaletuttavia non dimenticate di creare e offrire momenti di apertura alla vostra mente e alle vostre azioni. Se le frasi del tipo “Siamo Occupati” le sentite vostre: è ora di agire!
  2. Creare uno spazio in cui possiate essere giocosi nella vostra vita o nella vostra azienda. Non è detto che tutte le aziende debbano avere lo scivolo di Google o grandi strutture ma cercate di avere uno spazio dove le persone possano uscire dallo stato di chiusura e accedere allo spazio più creativo. Pensate ad una sala riunioni meno formale e più giocosa.
  3. Darsi tempo. Vorrei tranquillizzarvi e dirvi che al momento il tempo, a differenza dei Panda, non rischia l’estinzione. Imparate a prendervi del tempo. La creatività non è un fiammifero. Cleese suggerisce almeno 90′. Io vi consiglio di eliminare orologi e smartphone e dedicare del tempo alla vostra attività e alla vostra azienda, semplicemente non facendo niente. Regalate ai voi e ai vostri collaboratori tempo per pensare, per vivere e per entrare in contatto con i propri talenti e le proprie doti. Se correte sempre dietro all’ordine di ieri avete un problema di organizzazione. Correre non vi aiuterà a risolverlo oggi. Fermarvi vi permetterà di trovare una soluzione creatività oggi e a risolverlo a partire da domani!
  4. Non fermarsi alla prima soluzione. Tutto e subito come noterete non fanno rima con creatività. Se avete vissuto fino ad ora con un problema potete viverci ancora un po’. Non pretendete di risolverlo al primo brainstorming con la prima idea utile. Decidete un tempo massimo, cercate una soluzione, ma non fermatevi alla prima soluzione. La creatività necessità di contemplazione. Siate rilassati nel cercare la soluzione e vagliarne le opzioni, ma una volta deciso procedete senza indugi!
  5. Avere fiducia. Giocare significa sperimentare e provare cose nuove, e questo porta necessariamente a fare errori. Dobbiamo rimanere aperti e provare qualunque cosa senza paura di sbagliare. Cleese dice che “nulla impedisce di essere creativi in modo efficace come la paura di sbagliare”. Credo che un buon imprenditore debba avere il coraggio di essere libero di giocare e di far giocare.Implementate in azienda un metodo per imparare dagli errori invece che per stigmatizzarli. Sbagliare è l’unico modo per accelerare l’apprendimento. Imparare dagli errori è l’unico modo per trasformare una perdita di tempo e denaro oggi in un guadagno domani.
  6. Sorridere. La risata come il gioco non è stupidità, è un’opportunità. Un ambiente serioso, formale, con troppe regole, e sempre di corsa è la tomba della creatività. La risata è un esercizio di pensiero laterale. Ridere non significa necessariamente che quello che state facendo non è importante. Cercate di creare un ambiente di lavoro che stimoli la risata, la battuta informale – non volgare e scontata – offrendo anche stimoli in tal senso (giornate formative o semplicemente ritagli di giornale, foto, frasi, feste, …).

Volete un semplice consiglio finale?

NON ABBIATE PAURA DI ESSERE DIVERSI O ORIGINALI

Smettete la guerra di trincea che non fa staccare voi e/o i vostri collaboratori dal lavoro, sia fisicamente, sia mentalmente, solo così riuscirete ad ottenere quelle idee e innovazioni che voi e la vostra azienda stavate cercando!

Non abbiate paura. Qualsiasi sia il vostro lavoro, il vostro obiettivo, il vostro sogno, potete farcela.

Qualsiasi cosa attorno a te che fa parte della tua vita, è stata fatta da persone che non erano più intelligenti di te. Steve Jobs

Provate nuovi sentieri, innovate, create, sperimentate, tentate, sbagliate… Non è importante ciò che farete o tenterete ma il sentiero che traccerete. Non abbiate paura di essere diversi o originali: distinguetevi, osate, ricercate e provate.

Non andare dove il sentiero potrebbe condurti, vai invece dove non vi è alcun sentiero e lascia un segno. W. Emerson

E infine, per non dimenticare…

“La creatività ha bisogno di momenti di isolamento, sogno ad occhi aperti, ozio e perfino noia: solo così il cervello può avere degli scarti geniali, che invece sono preclusi se l’attenzione è continuamente catturata dall’ultimo messaggino, da una ricerca su Google, dal dialogo sociale su Facebook.” Federico Rampini

Le fonti di ispirazione di questo post sono: il video di John Cleese, il post di Garr Reynolds, e… le mie vacanze!

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

vuoi definire la tua strategia di prezzo?

NEWS POPOLARI

prototipi deck ain't a game

Habemus deck! I prototipi delle scatole sono arrivati!

I primi prototipi dei deck Ain't a Game sono arrivati! Strumenti pratici che compongono il metodo, per scoprire un nuovo modo di fare impresa. Sono scatole da gioco fatte per essere vissute in condivisione, con le persone al centro.

CASI POPOLARI

elisa trevisan ditre brand dna

L’abbraccio è la vera comunicazione: il caso Ditre

Da azienda di produzione ad azienda di servizi. Nel mezzo una rinascita e una nuova immagine aziendale. Un viaggio nel DNA dell'impresa, tra valori presenti e futuri: il caso di Ditre.

ARTICOLI POPOLARI

naming

Naming: Un Viaggio tra Significato e Identità di Marca

il naming è un'arte complessa che richiede creatività, strategia e significato. Un nome ben scelto può avere un impatto significativo sulla percezione e sulla memorabilità del marchio, veicolando valori, essenza e personalità al mercato.
social network matrix pillola

Social media: fine di un inizio. Il vero business model

È impensabile oggi che un’azienda possa fare business sui social network senza investire piuttosto corposamente in questo tipo di attività. Il social “fai da te” che fino a “ieri” poteva rappresentare una bella sfida a basso costo, nel caso di piccole realtà con una buona consapevolezza digitale, è “oggi” reso