Skip to content

Galdi: un’azienda che sperimenta… e divulga

università di padova dsea cristiano nordio galdi

Quando ho creato il metodo, volevo fosse immediato e facilmente trasferibile. A distanza di anni, sembra che il cerchio si sia chiuso! Venerdì 10 novembre, Galdi, una delle prime imprese ad aver sperimentato Ain’t a Game, ha infatti tenuto una lezione all’Università di Padova sul metodo stesso! Ma andiamo per step.

GALDI COME CASO DI MARKETING

Correva l’anno… 2014. All’epoca, stavo gestendo a contratto un’attività didattica di supporto all’interno del corso di Marketing tenuto dalla professoressa Silvia Sedita, dedicato agli studenti della laurea triennale in Comunicazione del Dipartimento FISPPA dell’Università di Padova.

galdi università di padova case study

Galdi, da buona azienda sperimentatrice, si presta a far da “cavia”: partendo dalla sua realtà gli studenti elaborano un piano marketing con diverse proposte, anche molto unconventional.

SPERIMENTARE I DECK AIN'T A GAME

L’anno successivo, Galdi, con la mia facilitazione, sceglie di sperimentare l’uso dei deck Ain’t a Game, che all’epoca erano ancora in fase di prototipazione. Un percorso che nel tempo porterà a diverse evoluzioni in azienda, e continua ancora oggi, sperimentazione dopo sperimentazione.

galdi gamification

Ain’t a Game IN UNIVERSITÀ

Sempre nel 2015, torno in Università di Padova, per un altro incarico e un altro corso integrativo, quello di Advanced Marketing in lingua inglese, dedicato agli studenti Erasmus della laurea magistrale in Business Administration del DSEA “M. Fanno”. In quell’occasione, i ragazzi stessi hanno modo di conoscere e di sperimentare direttamente l’uso dei deck Ain’t a Game all’interno di un laboratorio.

*Il metodo inizialmente si chiamava PEOPLE BRANDING. Dal 2020 è diventato AIN’T A GAME.

IL METODO, SPIEGATO DA CHI LO HA PROVATO

Cosa è cambiato questa volta? Che a fare lezione non c’ero più “io”, ma Galdi stessa! Per desiderio della Prof. Sedita, sempre molto attenta a portare elementi di praticità ed esperienze di vita aziendale vissuta in aula, venerdì 10 novembre 2017, sulla cattedra è infatti salita Luisa Binotto, Sales e Marketing Assistant dell’azienda.

L’argomento? La profilazione clienti, spiegata mostrando il metodo di analisi e le azioni attuate da Galdi, generate proprio dall’applicazione di uno dei nostri deck! Una di queste, focalizzata sull’aiutare i piccoli produttori locali a diventare indipendenti attraverso un pacchetto di offerta specifico, è stato tradotta in un Video Case History Galdi e citata dal Prof. Stefano Micelli in un articolo su Nova del Sole 24 Ore dedicato a Galdi come esempio per l’industria 4.0. A ogni modo, di materiale e di cose da raccontare ce n’erano. E gli studenti davano segno di volerne sapere di più. Quindi un gran plauso va a Luisa che al termine dell’intervento ha confidato:

Spiegare tutto il processo di profilazione, il percorso effettuato con l’Experience Journey, il “deployment” dei touch point digital (comprensivi di momento medaglia) e le attività realizzate e programmate a supporto della strategia, avrebbe necessitato di più tempo. Spero sia passato bene il messaggio.

Io credo di sì. Grazie Luisa.

Copy Credits Marcello Vignola.

vuoi definire la tua strategia di prezzo?

NEWS POPOLARI

prototipi deck ain't a game

Habemus deck! I prototipi delle scatole sono arrivati!

I primi prototipi dei deck Ain't a Game sono arrivati! Strumenti pratici che compongono il metodo, per scoprire un nuovo modo di fare impresa. Sono scatole da gioco fatte per essere vissute in condivisione, con le persone al centro.

CASI POPOLARI

perale analisi swot strategie dinamiche

Quando la SWOT si amplia e si fa gioco: il caso Perale

L'analisi strategica applicata al modo di fare impresa di oggi e ai progetti di rete. La gamification come chiave per attivare il pensiero laterale a supporto delle decisioni e della strategia dinamica: il caso Perale.

ARTICOLI POPOLARI

Empathy Map: Into my shoes

Empathy Map: l’importanza di calarsi nei panni dei propri clienti

L'empathy map è un modo di tracciare i segmenti di clientela a cui ci rivolgiamo. Chiedersi qual è il loro ambiente, quali sono i loro atteggiamenti e comportamenti, cosa conta realmente per loro e cosa li preoccupa, quali sono i loro problemi e le loro aspirazioni