Skip to content

Inbound marketing: cos’è e come farlo funzionare

Data articolo: 11 Dicembre, 2013
Data ultima modifica: 7 Dicembre, 2023
inbound marketing
Autore:

Continuano gli Spritz-up, gli appuntamenti di contaminazione con i colleghi (e non solo), all’insegna della leggerezza, delle relazioni, dello scambio di idee e della tradizione veneta tra alcol e cicchetti. Oggi ho sorseggiato un buon vino con Valentina Cambareri che mi ha parlato di inbound marketing, un “nuovo “approccio al marketing on line, il cui obiettivo è che l’azienda sia trovata dai potenziali clienti grazie ai contenuti di qualità prodotti e condivisi. Vi lascio al suo racconto:

Cos'è l'Inbound Marketing?

Negli ultimi anni, l’evoluzione delle dinamiche di mercato e il cambiamento nei comportamenti dei consumatori hanno portato alla nascita di nuove strategie di marketing online più efficaci e mirate. Una di queste è l’inbound marketing, un approccio che si focalizza sulla creazione di valore, coinvolgimento e relazioni a lungo termine con i clienti.

Si tratta di una metodologia che si concentra sull’attrarre e coinvolgere i potenziali clienti attraverso la creazione di contenuti di qualità, pertinenti e utili. A differenza del tradizionale marketing “outbound” (o “interruttivo”), che interrompe gli utenti con messaggi pubblicitari invasivi, l’inbound marketing cerca di attirare l’attenzione delle persone offrendo loro informazioni e risorse che siano rilevanti per i loro interessi e bisogni.

Basta caccia al cliente quindi? Fine dell’invasione del suo cyberspazio vitale con infinite pubblicità, banner, popup, talvolta davvero fastidiosi?

I Pilastri dell'Inbound Marketing

L’inbound marketing si basa su quattro pilastri fondamentali:

1. Attrarre

La fase iniziale è quella dell’attrazione. Si tratta di creare contenuti di valore, come articoli, video, podcast e infografiche, che rispondano alle domande e ai problemi delle persone. Questo approccio non solo cattura l’attenzione del pubblico, ma dimostra anche l’esperienza e l’autorità del brand nel settore.

2. Coinvolgere

Una volta attirati gli utenti, è importante coinvolgerli attraverso contenuti interattivi e stimolanti. Questo coinvolgimento può avvenire tramite social media, commenti sui blog, sondaggi e altre attività che incoraggiano l’interazione diretta con il pubblico.

3. Convertire

Una volta che gli utenti sono coinvolti, l’obiettivo è convertirli in lead, ovvero potenziali clienti interessati ai prodotti o servizi dell’azienda. Questo passaggio avviene spesso attraverso la raccolta di informazioni di contatto in cambio di risorse di valore, come guide o e-book.

4. Deliziare

L’ultimo pilastro dell’inbound marketing è la fase di delizia. Una volta che i clienti sono stati acquisiti, è importante continuare a fornire valore e supporto. Questo può avvenire attraverso contenuti educativi, assistenza clienti di alta qualità e interazioni personalizzate che fanno sentire i clienti apprezzati e importanti.

Vantaggi dell'Inbound Marketing

L’inbound marketing offre numerosi vantaggi rispetto alle strategie di marketing tradizionali:

1. Fiducia e Credibilità: creando contenuti informativi e utili, le aziende dimostrano la propria conoscenza del settore e guadagnano la fiducia dei potenziali clienti.

2. Costi Ridotti: richiede un investimento iniziale nella creazione di contenuti, ma nel tempo può generare risultati duraturi senza l’alto costo delle campagne pubblicitarie tradizionali.

3. Coinvolgimento Autentico: consente di stabilire connessioni autentiche con il pubblico, in quanto le persone sono attirate dai contenuti e scelgono di interagire.

4. Targeting Preciso: consente alle aziende di raggiungere un pubblico specifico e interessato, riducendo gli sprechi di risorse su persone non interessate.

l’inbound marketing funziona? 3 Elementi Chiave

Diventa una strategia efficacie nel momento in cui acquistiamo consapevolezza circa il mercato i cui operiamo, in quale fase di vita il prodotto si trova, ma sopratutto relativamente al nostro pubblico di riferimento. Se l’obiettivo infatti è quello di attirare un utente nel nostro sito web e poco a poco trasformarlo in cliente fidelizzato, è evidente che prima di tutto dobbiamo conoscere il nostro target, quali sono i suoi bisogni, i gusti, gli interessi le passioni. Questa analisi è impegnativa ma solo dopo averla fatta saremo in grado di produrre contenuti di qualità che attraggano e che siano in grado di coinvolgere il nostro utente.

La comunicazione pianificata dovrà essere perciò creativa, sociale e multicanale, mantenendo sempre aperti gli occhi sulle nuove tendenze della rete, che come sappiamo è in costante e continua evoluzione. E i costi? Secondo Hubspot i costi dell’inbound marketing possono essere il 62% inferiori rispetto a quelli dell’outbound marketing, ovvero la strategia più tradizionale si basa su un messaggio direzionato unicamente verso il cliente.

Per adottare con successo l’Inbound Marketing, occorre concentrarsi su tre elementi fondamentali:

  1. Blog Coinvolgente: Un blog regolarmente aggiornato è un potente strumento per condividere contenuti di valore, tutorial e consigli. I commenti consentono interazioni dirette con gli utenti, stabilendo fiducia e coinvolgimento.

  2. Social Network Strategici: Utilizzare strategicamente i social network permette di diffondere i contenuti del blog e interagire con il pubblico. La scelta dei social network deve essere mirata al pubblico target.

  3. SEO e Ottimizzazione: La SEO migliora la visibilità del sito web. Ottimizzare le parole chiave e migliorare l’usabilità del sito sono essenziali per attirare il pubblico giusto.

Implementare con successo l’Inbound Marketing richiede tempo e dedizione, ma generare contenuti di qualità focalizzati sul pubblico genera relazioni autentiche e durature.

Grazie Valentina! E’ stata una bella chiacchierata su temi che appassionano entrambi.

E voi… che ne pensate dell’inbound marketing? Solo una nuova parola di moda o un approccio valido per l’online?

1 Comment

  1. penso che sia semplicemente marketing, cambiato solo di nome. Quello del targeting e posizionamento.


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

vuoi definire la tua strategia di prezzo?

NEWS POPOLARI

prototipi deck ain't a game

Habemus deck! I prototipi delle scatole sono arrivati!

I primi prototipi dei deck Ain't a Game sono arrivati! Strumenti pratici che compongono il metodo, per scoprire un nuovo modo di fare impresa. Sono scatole da gioco fatte per essere vissute in condivisione, con le persone al centro.

CASI POPOLARI

almot sg elettronica dalla strategia alle azioni

Dalla strategia alle azioni: il caso Almot

Il passaggio da terzista ad azienda con marchio proprio: due parole sul percorso realizzato da Almot SG Elettronica. Un caso tra strategia, obiettivi e organizzazione di processi e risorse.

ARTICOLI POPOLARI

branding sensoriale

l’Evoluzione degli Approcci al Branding

L’evoluzione della gestione del brand dal 1985 al 2020 dimostra come i brand siano passati da strumenti di marketing unidimensionali a entità multidimensionali che interagiscono, coinvolgono e co-creano con i consumatori.
web analytics misurare strategia

la Strategia come Misurazione e la Misurazione come Strategia

Spritz-Up con Ivan Denoni: La Web Analytics non è una componente accessoria della strategia, ma la fine e l'inizio di una strategia di web marketing.