Skip to content

L’importanza dell’ufficio stampa

Data articolo: 5 Agosto, 2009
Data ultima modifica: 8 Gennaio, 2024
ufficio stampa
Autore:

Nell’era dell’informazione, dove notizie e storie competono per l’attenzione del pubblico, emerge un protagonista spesso misconosciuto: l’ufficio stampa. Una percentuale significativa delle informazioni veicolate dai media è il risultato di un rapporto collaborativo tra giornalisti e professionisti delle relazioni pubbliche. Ma ciò solleva una domanda cruciale: è davvero positivo? Che impatto ha sulla percezione a lungo termine del brand, specialmente quando la verità risulta sfumata? Esaminiamo l’importanza dell’ufficio stampa e le sue implicazioni sulla credibilità aziendale.

Il ruolo chiave dell'ufficio stampa

L’ufficio stampa è il tessitore invisibile di storie e notizie che raggiungono il pubblico attraverso i media. Dall’organizzazione di conferenze stampa alla creazione di comunicati stampa, questo reparto gioca un ruolo cruciale nella definizione della narrazione aziendale. Ma quando il risultato è una strategia di comunicazione mirata, quanto autentico è ciò che raggiunge il pubblico?

Il dato che il 50% all’80% delle informazioni sui giornali derivi da rapporti con professionisti delle relazioni pubbliche solleva domande importanti sulla trasparenza e l’autenticità delle notizie. La creazione di una narrazione intenzionale può portare a un’immagine distorta della realtà aziendale, ma è altrettanto vero che senza una strategia di comunicazione mirata, molte notizie positive potrebbero passare inosservate.

Il timore che la costruzione strategica di una narrazione possa influenzare negativamente la brand equity a lungo termine è legittimo. Tuttavia, quando gestito con saggezza, l’ufficio stampa può contribuire a consolidare una reputazione solida. La chiave sta nell’equilibrio tra promozione strategica e autenticità, garantendo che la narrazione aziendale rifletta i valori e gli obiettivi reali dell’organizzazione.

La crescente consapevolezza del pubblico sulla manipolazione mediatica solleva preoccupazioni legittime sulla fiducia dei consumatori. È fondamentale per le aziende lavorare a mantenere una comunicazione trasparente ed etica, evitando di compromettere la fiducia dei clienti. La coerenza tra ciò che viene comunicato e la realtà aziendale è essenziale per garantire la durata della credibilità.

Pubblicità o ufficio stampa?

Scegliere tra pubblicità e ufficio stampa è una decisione cruciale per le aziende alla ricerca di visibilità. La combinazione delle due strategie è spesso ottimale, ma occorre valutare attentamente costi e benefici.

  • La pubblicità, sebbene garantisca visibilità immediata, comporta costi considerevoli, soprattutto su scala nazionale, includendo la costruzione della campagna e il lavoro creativo.
  • L’ufficio stampa, più economico, si basa sulla competenza dell’agenzia o del freelance e sulla notiziabilità dell’azienda. Gli spazi di visibilità ottenuti sono gratuiti, ma la qualità dipende dalla bravura dell’ufficio stampa.

La differenza sostanziale risiede nella percezione del consumatore: la visibilità ottenuta tramite ufficio stampa è considerata autentica e non a pagamento.

La scelta tra pubblicità e ufficio stampa dipende dalla notiziabilità dell’azienda. Alcune aziende poco notiziabili potrebbero preferire la pubblicità, mentre quelle molto notiziabili possono trovare vantaggioso investire in un ufficio stampa.

Indiscutibilmente, una ponderata combinazione delle due strategie potrebbe essere la chiave per una visibilità aziendale di successo

Ufficio stampa: un cuscinetto di sicurezza

Gli addetti stampa agiscono come cuscinetti di sicurezza per le aziende, svolgendo un ruolo cruciale nell’assicurare che la comunicazione avvenga nel migliore interesse del cliente. Questi professionisti, incaricati e retribuiti dalle aziende, si trovano spesso a dover navigare in acque agitate, schermare interviste scomode e gestire le reazioni per salvaguardare la reputazione del cliente.

Il delicato rapporto con i giornalisti, costruito nel tempo, si trasforma talvolta in amicizia, rendendo il confine tra lavoro e piacere molto sfumato. Questo diventa particolarmente evidente nell’era dei freelance affamati, dove la distinzione tra servire il cliente e agevolare il giornalista può diventare opaca.

Gli addetti stampa lavorano incessantemente per mantenere un equilibrio, promuovendo la notizia del cliente nel rispetto della professionalità e autonomia del giornalista. Questo equilibrio, tuttavia, è a rischio quando i clienti si scontrano con la stampa per varie ragioni, come la mancata pubblicazione di una notizia o errori interpretativi.

La gestione delle critiche da parte dei clienti è cruciale, poiché il feedback mal gestito può minare il rapporto costruito con i giornalisti nel corso degli anni. Richiede un’attenzione particolare affinché le risposte siano delicate e rispettose, considerando che il giornalista è vincolato deontologicamente a mantenere la propria indipendenza e non essere influenzato da pressioni esterne.

Fare l’addetto stampa, quindi, è un lavoro che richiede non solo competenze comunicative, ma anche un talento scenico notevole per bilanciare le esigenze del cliente e la sensibilità del giornalista. È un servizio indiretto che, se svolto con maestria, contribuisce non solo alla reputazione aziendale ma anche a garantire un’informazione equilibrata e veritiera per il pubblico.

Ufficio stampa in periodo di crisi

In tempi di crisi economica, molte aziende scelgono di eliminare gli investimenti in comunicazione per risparmiare. Questo, tuttavia, può portare a una crisi comunicativa dannosa per l’immagine aziendale. In alternativa a eliminare completamente l’ufficio stampa, si possono considerare strategie più oculate:

  • Ridimensionare l’ufficio stampa: Se necessario, ridurre il numero di comunicati, mantenendo quelli di alta qualità per mantenere visibilità e rapporti con i giornalisti.
  • Definire una strategia specifica per la crisi: In caso di difficoltà, l’ufficio stampa dovrebbe adottare una strategia d’attacco, concentrando la comunicazione su interventi e azioni per affrontare la crisi.
  • Rivedere la strategia di comunicazione: In collaborazione con marketing e vendite, rivedere gli investimenti per concentrarsi su azioni più proficue, come una comunicazione commerciale mirata.
  • Ricercare un addetto stampa più conveniente: Considerare la possibilità di trovare un addetto stampa più economico, come freelance, mantenendo la qualità del servizio.
  • Evitare l’improvvisazione: Non tentare di gestire la comunicazione internamente senza competenze specifiche. La gestione dell’ufficio stampa, tradizionale o digitale, richiede competenze specifiche e professionalità. Non sottovalutare la difficoltà della comunicazione corretta e affidati sempre a professionisti esperti.

Si può sostituire l'ufficio stampa con i social network?

La sostituzione dell’ufficio stampa con i social network non è una scelta valida. Queste due forme di comunicazione sono strumenti distinti e complementari, ognuno con specifiche competenze e obiettivi.

Le aziende spesso cadono nell’errore di pensare che una presenza su Facebook o Twitter sia sufficiente per comunicare efficacemente, sottovalutando la necessità di un ufficio stampa. Gestire i social richiede competenze specifiche, poiché la comunicazione deve essere professionale e mirata, considerando il target di riferimento, il linguaggio e la tempistica.

L’ufficio stampa svolge un ruolo essenziale nell’aiutare le aziende a costruire e consolidare la propria immagine attraverso una strategia di comunicazione sulla stampa. Le competenze di un buon addetto stampa sono fondamentali: comprendere la logica giornalistica, identificare notizie rilevanti e gestire i rapporti con i media.

Mentre l’attività di comunicazione sui social può rivolgersi direttamente ai consumatori, non tutti coloro che leggono i giornali frequentano anche i social, rendendo indispensabile una presenza su entrambi i fronti.

L’esperienza e le public relations sono il patrimonio di un addetto stampa, che si consolida nel tempo e si adatta ai cambiamenti. Sebbene il futuro dell’ufficio stampa sia sempre più orientato al web, con strumenti come iPress, la carta stampata continua ad essere autorevole, specialmente tra coloro che non utilizzano i social.

In futuro, ufficio stampa e social media marketing si integreranno sempre più, ma la loro coesistenza è fondamentale per una comunicazione efficace, rispettando le specifiche competenze di ciascuno.

In conclusione l’ufficio stampa, sebbene possa essere un artefice di narrazioni mirate, è un elemento imprescindibile per la visibilità e la reputazione aziendale. La sfida sta nel bilanciare la promozione strategica con l’autenticità, garantendo che il pubblico riceva informazioni accurate e riconosca il valore reale dell’azienda. Solo così l’ufficio stampa può contribuire a costruire una narrativa aziendale duratura, basata sulla fiducia e sulla verità.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

vuoi definire la tua strategia di prezzo?

NEWS POPOLARI

prototipi deck ain't a game

Habemus deck! I prototipi delle scatole sono arrivati!

I primi prototipi dei deck Ain't a Game sono arrivati! Strumenti pratici che compongono il metodo, per scoprire un nuovo modo di fare impresa. Sono scatole da gioco fatte per essere vissute in condivisione, con le persone al centro.

CASI POPOLARI

bizen srl customer experience journey map

Il cliente al centro perché ogni fine è già un inizio: il caso Bizen

Nel percorrere l’esperienza del cliente si passa attraverso emozioni, attività ed obiettivi, e per il Momento Medaglia che può trasformare il cliente in un advocate e facilitare il passaparola, stella polare di ogni addetto marketing. Il caso Bizen

ARTICOLI POPOLARI

sketch deck gamification

Deck e Serious Game: mettersi in gioco per prendere decisioni

I deck e i serious game Ain't a Game sono scatole da gioco per prendere decisioni. Destinati a imprenditori, manager e consulenti per creare strategie condivise e pronte all'uso. Pensate per rispondere alle esigenze delle aziende e stimolare la "creatività strategica" con la gamification.

Che cos’è il marketing non-convenzionale?

il marketing non convenzionale è una risposta innovativa e creativa all’evoluzione della società e delle aspettative dei consumatori. Questa strategia promozionale si basa sulla capacità di coinvolgere emotivamente il pubblico e di sfruttare il passaparola per diffondere il messaggio.