Skip to content

Lost: Una Lezione di Marketing Virale dalla Serie TV

Data articolo: 24 Settembre, 2008
Data ultima modifica: 25 Luglio, 2023
Lost e il marketing virale
Autore:

Nel vasto panorama delle serie televisive, “Lost” spicca come un esempio pionieristico di una narrazione avvincente e intricata, che non solo ha affascinato gli spettatori ma ha ridefinito i confini del racconto multimediale e del marketing. Debuttata nel 2004, “Lost” racconta la coinvolgente storia dei sopravvissuti di un incidente aereo bloccati su un’isola tropicale misteriosa, dove la sopravvivenza si intreccia con una miriade di enigmi enigmatici. Tuttavia, la genialità di “Lost” va ben oltre la trama; rappresenta uno studio di caso potente nel marketing virale e nell’utilizzo dei nuovi media per coinvolgere e immergere il suo pubblico.

Gli ideatori di “Lost” hanno dimostrato una comprensione eccezionale del mutato panorama mediatico, abbracciando un rapporto domanda-risposta con gli spettatori e sfruttando l’ampio potenziale di Internet. Il sito ABC dedicato alla serie offre di tutto e di più: trailer, anticipazioni , profili, riassunti, giochi, podcast. L’ABC ha inoltre creato vari siti dedicati agli immaginari protagonisti dello show, come quello del volo Oceanic Flight 815 (www.oceanicflight815.com), della linea aerea (www.flyoceanicair.com) e della band musicale Driveshaft (www.driveshaftband.com).

In questo articolo esploreremo i molteplici aspetti di “Lost” come esempio di marketing virale, analizzando come ha utilizzato tecniche meta-mediali, coinvolgimento dei fan e integrazione senza soluzione di continuità di elementi del mondo reale, superando l’approccio tradizionale dei transmedia.

Svelando le Meraviglie Meta-Mediali

Molti degli aspetti più interessanti sono meta-mediali, non multi-mediali, poiché vari livelli di comunicazione interconnessi tra loro incoraggiano gli appassionati a crearne sempre di nuovi.

Secondo Steven Johnson (dal libro “Everything Bad Is Good For You”):

“Come le tecnologie della serialità hanno permesso lo sviluppo di nuovi livelli di complessità, la crescita di Internet ha fornito a tale complessità un luogo dove essa può essere dissezionata, criticata, reinterpretata e spiegata. Anni fa ho definito le comunità web come “para-siti”, ovvero dei media online che si appoggiano ai media tradizionali e dipendono da questi per sopravvivere. Un tempo la discussione su film e televisione sembrava essere limitata al dopocena, ma con l’avvento di Internet la meta-conversazione è cresciuta e diventata pubblica. Anche una serie poco popolare come Six Feet Under, ha visto nascere centinaia di siti di appassionati e di forum di discussione, dove ogni episodio veniva analizzato e annotato con l’intensità generalmente riservata agli studiosi del Talmud. I siti dei fan creano un’esposizione pubblica della passione per lo spettacolo, che a volte i produttori di Hollywood utilizzano per prolungare alcune serie televisive che altrimenti verrebbero cancellate a causa dei bassi ascolti.”

Lost non solo conferma queste parole, ma le amplifica all’ennesima potenza. Al centro di “Lost” si trovano i suoi avvincenti elementi meta-mediali, che incoraggiano in modo ingegnoso la partecipazione dei fan e creano un’esperienza profondamente coinvolgente. La serie è attentamente intrecciata con misteri intricati, numeri enigmatici e allusioni letterarie, invitando gli spettatori a svelare i significati nascosti all’interno di ogni episodio. Anagrammi come ‘Ethan Rom’ diventano ‘Other Man’, esemplificano come lo show abbia invitato i fan a esplorare giochi di parole e scoprire verità nascoste.

L’introduzione di siti web come “Lostpedia”, una piattaforma simile a Wikipedia dedicata interamente all’universo dello show, amplifica ulteriormente il coinvolgimento dei fan. Questa espansione meta-mediale ha permesso agli appassionati di contribuire alla mitologia, dibattere teorie e condividere intuizioni, creando una biblioteca virtuale di conoscenze incentrata su “Lost”.

The Lost Experience: Un Fenomeno Virale

Mentre “Lost” affascinava gli spettatori di tutto il mondo, i creatori orchestrarono con genialità “The Lost Experience“, una campagna di marketing virale che offuscò i confini tra finzione e realtà. Questo gioco di realtà alternativa (ARG) immerse i fan in una serie di intricati enigmi, call center, blog e persino prodotti del mondo reale come le barrette di cioccolata del volo Oceanic 815.

Questa iniziativa è stata lanciata dal canale televisivo britannico Channel 4 nel periodo tra maggio e settembre del 2006. L’obiettivo di questa campagna era quello di coinvolgere gli appassionati nello scoprire gli avvenimenti immaginari che hanno preceduto la serie televisiva, fornendo un’esperienza di approfondimento della trama e dei suoi misteri.

Attraverso siti web, pubblicità televisive, call center, blog, video su YouTube e persino barrette di cioccolato, gli organizzatori hanno creato una narrazione coinvolgente incentrata sula ricerca del personaggio fittizio Rachel Blake per scoprire i segreti all’interno della “Hanso Foundation”, una delle entità chiave della trama dello show, catturando l’interesse dei fan che la seguirono attraverso vari canali mediatici, andando oltre lo schermo.

Gli indizi e le informazioni venivano disseminati online, portando gli appassionati a esplorare siti web, risolvere enigmi e interagire con il materiale promozionale. Questa caccia al tesoro virtuale ha coinvolto i fan in una caccia al tesoro interattiva che li spingeva a discutere di “Lost” su diverse piattaforme, a collaborare e a condividere informazioni tra loro, amplificando così l’effetto virale dell’intera campagna.

Coinvolgimento dei Fan e Potere della Discussione

Uno degli aspetti più notevoli di “Lost” è stata la sua capacità di creare una comunità appassionata di fan che ha superato i confini del consumo tradizionale dei media, dimostrando il potere dell’interazione tra la serie televisiva e il pubblico, non solo come spettatori passivi, ma come partecipanti attivi al processo di creazione e interpretazione della trama. Gli appassionati sono stati coinvolti emotivamente e mentalmente, creando un legame profondo con la serie e tra di loro.

Forum internet (come www.lost-forum.com), blog e piattaforme di social media brulicavano di discussioni entusiaste su misteri, simbolismo e colpi di scena dello show. Effettuando una ricerca su Google sui numeri maledetti della serie (“4 8 15 16 23 42″) escono oltre 700.000 risultati e ci sono siti dedicati a descrivere i libri che si trovavano in una biblioteca apparsa nella serie.

Si diceva che gli sceneggiatori dello show consultassero queste comunità di fan, misurando le reazioni del pubblico e incorporando alcune teorie dei fan nella trama. Questa relazione simbiotica tra creatori e fan ha dimostrato il vero potere del coinvolgimento dei fan nel plasmare il percorso narrativo e ha consolidato “Lost” come esempio di narrazione collaborativa.

L’effetto virale delle iniziative di marketing ha generato un effetto domino, in cui il coinvolgimento e la partecipazione dei fan hanno alimentato l’interesse e l’attenzione sulla serie, amplificando la diffusione della stessa. Le discussioni sui forum, i blog dedicati e la condivisione di contenuti hanno aumentato l’esposizione della serie e attirato nuovi spettatori, creando una comunità di fan sempre più vasta.

La Meta-Mediazione del Libro "Bad Twin"

Una delle tattiche più intriganti impiegate da “Lost” è stata la creazione del libro “Bad Twin” scritto da Gary Troup, un personaggio fittizio all’interno della serie. Questo romanzo è stato pubblicato effettivamente come prodotto legato a “Lost”, ma il suo vero potere risiedeva nella capacità di collegare il mondo della finzione con il mondo reale.

Il libro è stato lanciato sul noto sito di e-commerce, Amazon.com, con una descrizione che confermava Gary Troup come autore e collegava la sua scomparsa all’interno della trama di “Lost”. Questo artificio meta-mediale ha catturato l’attenzione dei fan, che hanno iniziato a indagare sulla storia di Troup e hanno scoperto che era anche l’autore del libro “L’equazione Valenzetti”, da cui derivavano i misteriosi numeri della serie TV.

Inoltre, un’intervista all’autore immaginario è stata caricata su YouTube, conferendo ulteriore realismo a questa geniale mossa di marketing. Tutto ciò ha dimostrato il potere della meta-mediazione nel creare una connessione profonda tra il mondo fittizio e il mondo reale, attirando l’attenzione degli spettatori e coinvolgendoli a un livello più profondo.

La Campagna "Find815" e l'Esperienza Interattiva

Nel 2008, in concomitanza con la quarta stagione di “Lost”, è stata lanciata la campagna “Find815“. Questa campagna di marketing virale è stata progettata come un’esperienza interattiva, permettendo agli utenti di immergersi completamente nella trama e nella storia dello show. Il protagonista della campagna era Sam Thomas, alla ricerca della sua fidanzata Sonya, assistente di volo sull’aereo scomparso.

Il sito web “Find815” presentava episodi interattivi, che offrivano indizi e misteri da risolvere per i fan. La trama si sviluppava parallelamente a quella della serie televisiva, creando un coinvolgimento senza soluzione di continuità tra l’esperienza online e la visione della serie.

Questa campagna ha ulteriormente ampliato il coinvolgimento dei fan, che si sono sentiti parte integrante della narrazione di “Lost”. La sinergia tra l’esperienza interattiva e la visione della serie ha dimostrato come il marketing virale possa creare una vera e propria immersione nella storia, coinvolgendo il pubblico a un livello più profondo.

Coinvolgimento delle aziende e product placement

Oltre alle strategie di marketing virale create direttamente dalla produzione di “Lost”, molte aziende hanno colto l’opportunità di collaborare con la serie attraverso il product placement. Prodotti come Jeep, Sprite, Verizon e Monster.com sono stati inclusi nella narrazione della serie, creando ulteriori sinergie tra il mondo reale e il mondo fittizio di “Lost”.

Questo tipo di coinvolgimento delle aziende ha portato vantaggi sia per la serie, che ha ricevuto finanziamenti aggiuntivi per la produzione, sia per le stesse aziende, che hanno visto aumentare l’esposizione e la notorietà dei loro prodotti grazie al successo della serie.

Il Lascito di "Lost" al Marketing Virale

Anche dopo la conclusione della serie nel 2010, l’eredità di “Lost” continua a vivere attraverso i suoi fan e l’impatto duraturo che ha avuto sul modo in cui concepiamo e viviamo le serie TV e il marketing virale.

Grazie a “Lost”, altre serie TV hanno adottato strategie simili di coinvolgimento del pubblico attraverso il marketing virale e l’interattività. L’uso dei nuovi media e dei social media nel marketing di serie TV è diventato una prassi comune, e la creazione di campagne di promozione coinvolgenti ha dimostrato di essere una strategia vincente per attirare e fidelizzare il pubblico.

In conclusione, la serie TV “Lost” è stata molto più di una semplice storia di sopravvivenza su un’isola tropicale. È stata una pietra miliare nel marketing virale destinato a essere ispirato da questa rivoluzionaria serie TV, nonché nell’utilizzo dei nuovi media per coinvolgere e fidelizzare il pubblico. Con una narrazione ricca di enigmi, meta-medialità e coinvolgimento dei fan, “Lost” ha dimostrato come una serie TV possa andare oltre lo schermo, trasformandosi in un’esperienza interattiva e collaborativa.

Attraverso campagne come “The Lost Experience” e “Find815”, i creatori di “Lost” hanno dimostrato una comprensione avanzata del potere del marketing virale e della creazione di una comunità di fan appassionati. Il coinvolgimento attivo dei fan, la creazione di elementi meta-mediali e la fusione tra finzione e realtà hanno reso “Lost” un caso di studio unico nel suo genere nel mondo del marketing e della narrazione multimediale.

“Lost” ha aperto nuove strade per l’industria dell’intrattenimento , dimostrando il potere della sinergia tra finzione e realtà e i risultati straordinari che può portare il coinvolgimento e l’ascolto del proprio pubblico. L’eredità di “Lost” vive ancora oggi attraverso la passione dei suoi fan e il suo impatto duraturo sul modo in cui concepiamo e viviamo le serie TV.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

vuoi definire la tua strategia di prezzo?

NEWS POPOLARI

prototipi deck ain't a game

Habemus deck! I prototipi delle scatole sono arrivati!

I primi prototipi dei deck Ain't a Game sono arrivati! Strumenti pratici che compongono il metodo, per scoprire un nuovo modo di fare impresa. Sono scatole da gioco fatte per essere vissute in condivisione, con le persone al centro.

CASI POPOLARI

ca de memi segmentazione dei clienti

Un nuovo approccio alla segmentazione dei clienti: il caso Ca’ de Memi

Da una nuova segmentazione dei clienti a nuove scelte imprenditoriali: il caso Ca’ de Memi. La storia di una piccola impresa che impara a trasformare i suoi valori in idee commerciali.

ARTICOLI POPOLARI

Il Marketing è morto

La Morte del Marketing: Mito o Realtà?

Se Kevin Roberts, CEO di Saatchi & Saatchi Worldwide una delle più grandi agenzie di pubblicità del mondo, dice che il marketing è morto, deve essere vero! Lui dice che anche la strategia, il management e le nuove idee sono morte.
commerciale perfetto

Indovina Chi? Scopri chi è il commerciale perfetto!

Spritz-Up con Matteo Barbiero: domanda secca: chi è un commerciale? Risposta banale: quello che vende ai clienti. Il commerciale è quello degli ordini, degli obbiettivi, del fatturato. Il commerciale è quello dei numeri. Una funzione facilmente valutabile: dovevi fare 100, hai fatto 80, forse è meglio che facciamo un po’