Skip to content

Metti un workshop al Wired Next Fest

wired next fest milano 2017

Hai presente Wired? Quella rivista e quel sito che parlano di “storie, idee e persone che cambiano il mondo” con una grandissima attenzione alla scienza? Wired per me è sempre stato un mix di innovazione, futuro, tecnologia e dinamicità che mi è sempre piaciuto. Anzi mi è sempre sembrato qualcosa di un po’ irraggiungibile, un po’ troppo bello per essere vero e anche un po’ sogno. Quel mix che quando si avvera ti lascia lì un po’ a occhi aperti e pensi: “Mo’ che dico, che faccio?”. È stato infatti con un misto di incredulità e tensione che mi sono avvicinato al workshop del 28 maggio in occasione del Wired Next Fest 2017, evento che l’anno scorso ha registrato 280.000 presenze.

l’identità e la sua evoluzione

Il tema del Luna park dell’innovazione, così si definisce l’iniziativa promossa da Wired, quest’anno era l’identità e la sua evoluzione nelle aziende e negli individui. Il mio workshop parlava di brand, inteso nel suo senso più profondo e vero, ovvero come l’intersezione tra ciò che raccontiamo di noi e ciò che le persone colgono e capiscono. Un equilibrio tra valori, cultura e immagine, dichiarati e percepiti.

libro, caso, lavori di gruppo e tanti spunti

Il mio Wired Next Fest è iniziato con una bella intervista di Gianluca Dotti con lui abbiamo ripercorso le origini di People Branding e raccontato un po’ del libro People branding: 10 leggi e 10 casi per imprese in via di innovazione” edito da Franco Angeli, con Gianluca Fiscato che con me l’ha scritto. Preziosa è stata anche la presenza di Tania Pallaro di Bizen uno dei 10 casi di impresa trattati nel libro che ha raccontato la sua esperienza con i deck del Business Model Journey, Experience Journey e Brand Dna.

Il workshop è poi proseguito con una parte operativa che ha coinvolto una platea vivace ed eterogenea di persone che è rimasta a giocare seriamente per 3 ore alla BNL Square del Wired Next Fest, lavorando in gruppo su una idea aziendale a cui creare o ricreare una identità. La mattinata si è chiusa all’una inoltrata con molti spunti e domande dal pubblico, rivolti sia a me che a Tania.

Che dire? Beh, difficile trasferire le emozioni provate come speaker, difficile anche trasmettere l’atmosfera generata insieme ai partecipanti.
Per questo, lascio che a raccontarlo sia un video!

 

*Il metodo inizialmente si chiamava PEOPLE BRANDING. Dal 2018 è diventato BUSINESS MODEL JOURNEY.

Spero di vederti a una delle prossime presentazioni del libro, a un workshop o a uno dei corsi a breve in partenza!
Keep in touch!

Copy Credits Marcello Vignola.

EVENTI POPOLARI

Presentazione Libro People Branding settembre 2017 Luogocomune Bologna

10 leggi e 10 casi, un libro e un workshop a Bologna

Un libro con le sue 10 storie di aziende e 10 leggi. Una testimonianza di tre aziende in via di innovazione. Al centro un workshop Business Model Journey sulla customer experience

CASI POPOLARI

ARTICOLI POPOLARI

Ricambio generazionale

Ricambio generazionale e innovazione

Il ricambio generazionale è comunemente riconosciuto come un evento critico nel ciclo di vita di una azienda e in particolare in quello di aziende di medio piccole dimensioni. Quali proposte e quali idee per un ricambio generazionale innovativo?

NEWS POPOLARI

università di padova dsea cristiano nordio galdi

Galdi: un’azienda che sperimenta… e divulga

Da sperimentatori a divulgatori, dal provare al raccontare. L'esperienza di un'azienda, Galdi, che dopo aver applicato il Business Model Journey, è andata a raccontarne i risultati in Università.

Strategie di Prezzo

flow deck Business Model Journey
1. Qual è la qualità percepita del tuo prodotto, servizio, brand da parte del tuo cliente?
2. Quanto sensibili sono i tuoi clienti alle variazioni di prezzo?
3. Come si muove (oggi) il tuo mercato?
4. Che ruolo hai nel (tuo) mercato?
5. Il tuo prodotto o servizio in quale fase del ciclo di vita è?

Attenzione, è un questionario che serve per ragionare: usalo responsabilmente!