Skip to content

Perché partecipare a un corso col metodo Ain’t a Game?

Data articolo: 25 Agosto, 2018
Data ultima modifica: 22 Maggio, 2023
Corso Brand Dna Irene Manzone
Autore:

Perché una piccola media impresa dovrebbe partecipare a un corso che preveda l’uso del metodo e degli strumenti Ain’t a Game?

Che cosa ha di diverso dagli altri, come funziona e con cosa si torna a casa?

Per dare una risposta a queste domande, approfitteremo dell’intervista rilasciata da Irene Manzone di eTour, una delle partecipanti all’ultimo workshop trentino.

COSA NON TROVERAI

Non troverai un guru che dalla cattedra ti rivelerà la Verità Suprema.

Parteciperai al contrario a una creazione condivisa da tutti i partecipanti.

Non troverai slide con numeri, cifre e grafici, ma scoprirai strumenti per capire come la tua piccola media impresa possa muoversi agilmente in un mercato che corre.

Non parteciperai solo a un corso su una tematica specifica ma tornerai a casa con un metodo operativo semplice, facilmente trasferibile, applicabile da subito e dove le persone sono al centro.

Alla domanda “Con cosa sei tornata a casa?”, Irene ha risposto:

“Con la conferma che un metodo efficace facilita il raggiungimento dell’obiettivo. Il metodo e gli strumenti sono efficaci perché mettono al centro le persone e i loro bisogni, li coinvolgono quel tanto che basta e li guidano con leggerezza.”

COSA TROVERAI

Troverai una scatola, dei poster, delle carte di facilitazione e tanti post-it colorati.
Il poster è la cornice che inquadra gli aspetti fondamentali di una macroarea imprenditoriale e strategica.
A cosa servono i post-it? A “catturare” le idee condivise, stimolate nei partecipanti dalle carte con le domande facilitatrici.

Insomma, come nei giochi in scatola, penserai.
Proprio così.
La gamification, di cui ho parlato recentemente in un’intervista di Massimo Cerofolini, ha infatti il potere di “sbloccare” le persone e le idee, e i risultati, come racconta Irene, sorprendono:

“L’aspetto della gamification non è per nulla banale. Finito l’incontro ti rendi conto di aver fatto qualcosa di importante. Il gioco ha permesso di rispondere a interrogativi prima di allora rimasti in sospeso.”

TI SERVIRÀ ANCHE DOPO?

La risposta è sì. Una volta riempiti di tutte le idee condivise, i poster serviranno come punto di riferimento per le scelte future, tanto che molte aziende che hanno utilizzato il metodo li lasciano esposti nelle loro sale riunioni.

Rappresentano le linee guida costruite insieme, da “ripassare” quando se ne sente il bisogno o da aggiornare man mano che la conoscenza del cliente aumenta.

Insomma, la loro utilità continua nel tempo.

Alla domanda Pensi che il corso/metodo possa essere utile alle piccole medio imprese?” Irene ha risposto:

“È utile e sarebbe necessario (al bisogno sempre con te, come l’aspirina). Il metodo e gli strumenti Ain’t a Game facilitano la comunicazione efficace e di conseguenza l’organizzazione e sono sicura anche il raggiungimento degli obiettivi di business.”

P.S. Grazie Irene!

Copy Credits Marcello Vignola.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

vuoi definire la tua strategia di prezzo?

NEWS POPOLARI

prototipi deck ain't a game

Habemus deck! I prototipi delle scatole sono arrivati!

I primi prototipi dei deck Ain't a Game sono arrivati! Strumenti pratici che compongono il metodo, per scoprire un nuovo modo di fare impresa. Sono scatole da gioco fatte per essere vissute in condivisione, con le persone al centro.

CASI POPOLARI

francesca mazzoni pesopiuma targeting

E tu, conosci (la tua) Lisa? Il caso Pesopiuma

Il caso Pesopiuma: una micro-impresa con voglia di crescere e raccontarsi contro un canale che voleva solo parlare di prezzo. Nel mezzo, l'incontro con "Lisa" e la nascita di nuove strategie commerciali

ARTICOLI POPOLARI

Comunicazione Integrata di Marketing

Cos’è la comunicazione integrata di marketing (IMC)?

La comunicazione integrata di marketing rispecchia la risposta dei marketer a un ambiente in evoluzione, con cambiamenti nei comportamenti dei consumatori e nelle dinamiche dei media oltre a rappresentare una rivoluzione e un elemento chiave per informare e coinvolgere i clienti.
reverse brainstorming

Reverse Brainstorming: Risolvere Problemi in Modo Innovativo

Il reverse brainstorming è evoluto come una metodologia distintiva all'interno del contesto più ampio del pensiero laterale, una filosofia introdotta da Edward de Bono negli anni '60. Questo approccio innovativo si distingue per la sua natura divergente e la sua capacità di stimolare la creatività attraverso l'inversione del processo di