Skip to content

Quando il brand diventa esperienza con la gamification Ain’t a Game

Data articolo: 31 Ottobre, 2017
Data ultima modifica: 22 Maggio, 2023
business model journey corso brand dna
Autore:
Uno sguardo alle soluzioni

sei interessato a Migliorare immagine e reputazione?

ti potrebbe interessare approfondire come alcune aziende hanno affrontato la sfida

Gamification, condivisione, pratica e ovviamente brand.
Gli elementi per rendere speciale il corso c’erano tutti.
La partecipazione dei presenti ha fatto il resto.

Vengo infatti fresco fresco dal corso “Il valore del brand” che ho tenuto mercoledì 25 a Mestre. La colorata cornice dell’Officina del Gusto ha fatto da sfondo a una giornata di gioco e creazione condivisa, entusiasmante per me e credo proficua anche per i partecipanti.

*Il metodo inizialmente si chiamava PEOPLE BRANDING. Dal 2020 è diventato AIN’T A GAME.

POCA TEORIA, TANTA PRATICA

Il corso è partito con un bonus, una presentazione che voleva fare il punto sulle ultime evoluzioni dell’approccio al brand, sempre meno comunicazione unilaterale e sempre più dialogo coinvolgente, esperienza client oriented e veicolo di valori condivisi.

E qui si è fermata la teoria, perché lo scopo della giornata era trasferire un metodo con la pratica e uno strumento concreto, il Deck Brand Dna.

DUE GRUPPI, DUE DNA, DUE BRAND

I partecipanti sono stati divisi in due gruppi ognuno dei quali ha scelto un punto di partenza diverso. Un gruppo è partito da un brand già esistente, andando alla ricerca della sua essenza per far luce sugli elementi da comunicare, per individuarne il posizionamento e i fattori differenzianti.

L’altro gruppo, tutto formato da agenti di commercio, si è invece focalizzato sulla creazione ex novo del loro brand associativo, facendo emergere punti comuni e spunti da trasmettere.

L’OUTPUT

Oltre all’output valoriale, con le idee, le informazioni, e i valori emersi dal confronto, ce n’è anche uno fisico: i due grandi poster coperti di post it, consegnati ai partecipanti alla fine dell’incontro potranno essere usati in futuro come base e punto di riferimento per le comunicazioni e strategie dei due brand. Racchiudono infatti il loro DNA e lo sviluppo stesso, sia che si tratti di crearne logo e immagine oppure di impostare la comunicazione online e offline.

I PROSSIMI CORSI

What’s next? Altri due corsi in arrivo.

Il primo sulla customer experience si terrà l’8 novembre 2017, sempre dalle 9:30 alle 17, a Vallà (TV), nello spazio del SAC Training Lab, presso SAC Serigrafia.

Il secondo sulla segmentazione della clientela sarà invece il 22 novembre 2017 sempre dalle 9:30 alle 17, al Talent Garden di Pordenone.

Se vuoi avere più informazioni sui corsi e sul metodo, puoi chiedere qui.

Copy Credits Marcello Vignola.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

vuoi definire la tua strategia di prezzo?

NEWS POPOLARI

prototipi deck ain't a game

Habemus deck! I prototipi delle scatole sono arrivati!

I primi prototipi dei deck Ain't a Game sono arrivati! Strumenti pratici che compongono il metodo, per scoprire un nuovo modo di fare impresa. Sono scatole da gioco fatte per essere vissute in condivisione, con le persone al centro.

CASI POPOLARI

wanderjack-price-strategy

Fare i conti con le idee: il caso Wanderjack

Conta più il business plan o l'idea di business? Possiamo avere idee perfette e modelli di business ideali ma arriva un momento in cui bisogna fare i conti. La questione non è “se farli” ma “quando” e “come”. Il caso della startup Wanderjack.

ARTICOLI POPOLARI

Marketing Strategico

Cos’è il Marketing Strategico?

Il marketing deve essere orientato all'analisi dei bisogni e guardare al mercato in un'ottica strategica per anticipare la concorrenza e imporre il proprio vantaggio competitivo.
ecologia del valore

Il Marketing è come un’Ecologia del Valore

Il termine ecologia è sempre più utilizzato da accademici, esperti e consulenti di strategia e di marketing nonché da manager d’impresa al posto di mercato. Obiettivo di questo contributo è mettere in luce le ragioni che sono alla base di questo cambiamento/evoluzione nel linguaggio manageriale e quali le principali implicazioni