Skip to content

Segmentare i clienti, e comprenderli, con il gioco

Data articolo: 20 Aprile, 2018
Data ultima modifica: 22 Maggio, 2023
analisi segmentazione clienti gamification
Autore:

Segmentare e conoscere i clienti utilizzando un gioco? Si può fare: con la gamification. L’ho fatto mercoledì 22 novembre, in quel bell’incubatore di idee e progetti che è il Talent Garden. Con me hanno giocato, è proprio il caso di dirlo, i partecipanti del nostro ultimo corso per il 2017. Tema, protagonista e compagno di giochi della giornata: il cliente, che ritroveremo a Villa Giovannina di Villorba (Tv) il 26 marzo con Agenti Treviso.

PENSARE AL CLIENTE, MA SUL SERIO

Da un po’ di anni, “mettere i clienti al centro” è diventato il mantra della maggior parte dei coach e consulenti aziendali. Facile e figo a dirsi, ma la verità è che il cambio di visione richiesto è notevole e solo facendolo sul serio si può scoprirne il potere dirompente. Da cosa cominciare? Dal rompere gli schemi. Dall’affrontare la segmentazione dei clienti scordandosi dell’azienda e vestendo i panni del cliente attraverso la gamification!

IL VALORE DELLA GAMIFICATION

Modificare radicalmente il proprio punto di vista, invertire le parti dopo anni azienda-centrici, non è uno sforzo da poco.

Insieme ai partecipanti del corso, ho provato ad abbattere le barriere col passato e sfondare il muro della condivisione, giocando con l’Affinity Deck, dedicato proprio alla comprensione e alla segmentazione dei clienti. Il risultato? Tante idee spontanee e spunti interessanti.

PROTOTIPARE, TESTARE, INNOVARE

Se si vuole fare innovazione oggi, bisogna abbandonare gli schemi adottati fino a ieri. Anche nel mettere il cliente al centro. Durante il corso ho chiesto ai partecipanti di andare oltre alle classiche variabili da CRM, proponendo di segmentare la clientela in base a comportamenti, bisogni e aspirazioni, modi di pensare e agire. Il risultato è una profilazione più approfondita e “reale”, che permette di conoscere il cliente più a fondo ma anche di far crescere il proprio business.

Ragionare con un approccio outside-in, mettere al centro il cliente in ogni azione, è infatti il primo passo per rendere il nostro prodotto/servizio differente agli occhi del cliente rispetto a quello della concorrenza. Chi l’avrebbe mai detto che il gioco potesse essere un valido strumento per segmentare, comprendere, e sorprendere, i propri clienti?

Copy Credits Marcello Vignola.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

vuoi definire la tua strategia di prezzo?

NEWS POPOLARI

prototipi deck ain't a game

Habemus deck! I prototipi delle scatole sono arrivati!

I primi prototipi dei deck Ain't a Game sono arrivati! Strumenti pratici che compongono il metodo, per scoprire un nuovo modo di fare impresa. Sono scatole da gioco fatte per essere vissute in condivisione, con le persone al centro.

CASI POPOLARI

ca de memi segmentazione dei clienti

Un nuovo approccio alla segmentazione dei clienti: il caso Ca’ de Memi

Da una nuova segmentazione dei clienti a nuove scelte imprenditoriali: il caso Ca’ de Memi. La storia di una piccola impresa che impara a trasformare i suoi valori in idee commerciali.

ARTICOLI POPOLARI

Dalla catena del valore alla costellazione del valore

Dalla catena del valore alla costellazione del valore

Le aziende di successo non aggiungono solo valore, lo reinventano. La strategia è quella di riconfigurare i ruoli e le relazioni tra una costellazione di attori - fornitori, partner, clienti - al fine di mobilitare la creazione di valore da nuove combinazioni di soggetti coinvolti.
tempo di audiobranding

E’ tempo di audio branding

Spritz-Up con Alessandro Lotto: Questo è il tempo dell’audio branding e possiamo aspettarci che i prossimi anni siano pieni di suoni e rumori creati dai brand. Quello che possiamo sperare, è che siano rumori piacevoli e pensati con intelligenza