Skip to content

Dai Touchpoint al Customer Journey: il mondo visto dal cliente!

Touchpoint Customer Journey
Uno sguardo alle soluzioni

sei interessato al customer journey?

ti potrebbe interessare approfondire come alcune aziende hanno ottimizzato la propria proposta di valore

Continuano gli Spritz-up, gli appuntamenti di contaminazione con i colleghi (e non solo), all’insegna della leggerezza, delle relazioni, dello scambio di idee e della tradizione. Oggi ho brindato solo virtualmente, in quanto ci siamo sentiti via skype (ognuno però con il suo bell’aperitivo davanti), con Florindo Russo, Marketing & Sales Manager presso Johnson & Johnson.

Abbiamo parlato di un tema a me molto caro, quello dell’importanza di un approccio orientato all’analisi del customer journey. Vi lascio alle sue parole: 

Customer satisfaction e approccio Touchpoint

Sempre più le aziende hanno o dovrebbero avere l’obiettivo di massimizzare la customer satisfaction. Il punto chiave di tutte le organizzazioni di produzione o di servizi, Profit o No Profit, di qualsiasi contesto industriale deve essere la soddisfazione del cliente: è questo il vero fattore determinante per il successo di un’azienda.

Quando le aziende hanno chiaro questo obiettivo, spesso riescono ad enfatizzare un approccio basato sui touchpoint. In altre parole, analizzano i punti di contatto, ovvero i singoli momenti, le singole attività e transazioni, attraverso le quali il cliente interagisce con specifiche parti o funzioni della struttura organizzativa e delle relativa offerta di valore. Puntano in questo modo a massimizzare la specifica soddisfazione che si genera in quel momento.

Questo approccio basato sui punti di contatto, dal punto di vista aziendale, è apparentemente lineare: si individuano tutte le occasioni in cui si verifica l’interazione cliente-azienda con l’obiettivo di garantire il massimo della soddisfazione del cliente per ciascun contatto (es. eventi, fiere, marketing, personale di vendita, servizio clienti, assistenza post-vendita).

Un esempio grafico di approccio touchpoint è sintetizzato nella figura sottostante.

Approccio Touchpoint

Il problema dei Touchpoint

L’approccio basato sui punti di contatto è di certo un potente strumento di analisi che permette di comprendere al meglio il percorso di interazione del cliente con la realtà organizzativa.

Per completare l’analisi è, tuttavia, necessario riflettere anche dal punto di vista del cliente e non solo da quello dell’azienda:

  • Come percepisce l’offerta di valore dell’azienda?
  • Distingue tra prodotto e servizio?
  • Distingue realmente le differenze tra le diverse funzioni aziendali?
  • E’ realmente interessato a massimizzare il beneficio di un solo singolo momento di interazione con un solo punto di contatto dell’azienda?
  • Cosa realmente lo soddisfa? E’ influenzato dalla sua percezione circa l’intera esperienza con il prodotto/servizio? 
  • Guarda l’azienda dall’esterno nella sua interezza come entità unica senza differenza tra marketing, personale di vendita, assistenza clienti, etc,?
  • Pensa a massimizzare la sua soddisfazione in tutti i momenti di interazione con l’organizzazione percependoli come un’unica esperienza di acquisto?

Molto probabilmente il cliente guarderà l’azienda come un’entità unica senza porre particolari distinzioni fra i vari dipartimenti, percepirà i vari prodotti e servizi come un unica proposizione di valore, guarderà tutto il suo percorso vissuto con l’azienda come un’unica esperienza per valutare la sua reale soddisfazione.

Il limite di un approccio basato solo sui touchpoint non è la struttura: infatti è importante e necessario identificare tutti i punti di contatto del cliente con l’azienda perché questo permette di comprendere dove si verificano le interazioni cliente-azienda grazie alle quali si genera valore.

Il reale problema dei touchpoint è quello di non collegare i punti di contatto fra di loro, di non creare una relazione intima e profonda fra tutti i touchpoint per sviluppare un percorso… quel percorso che il cliente segue durante tutta la sua esperienza di acquisto. Quindi questa attenzione indirizzata sui singoli punti di contatto manca dell’aspetto più grande e più rilevante: la “customer end-to-end experience”.

Il vantaggio del Customer Journey 

La “customer end-to-end experience” rappresenta il customer journey: il viaggio esperienziale che il cliente vive sommando tutti i momenti di interazione con l’azienda. E’ un importante asset strategico per moltissime organizzazioni ed in particolare per quelle realtà che offrono commodities o per le quali l’erosione del prezzo è particolarmente elevata a causa del contesto socio-economico-ambientale.

Il customer journey è considerato quindi come la customer experience globale: dall’inizio alla fine, dalla prima fino all’ipotetica ultima interazione avuta con l’azienda, un virtuoso cilclo di continue interazioni cliente-azienda.

Il customer journey è un’evoluzione del tradizionale “funnel di marketing. Dal processo di acquisizione a quello di fidelizzazione/advocacy, la customer experience è quindi unica e globale analizzando tutto il percorso del cliente e tutte le sue esperienze per ogni livello di interazione o punto di contatto.

Un esempio di Customer Journey è sintetizzato nella successiva figura.

Esempio di Customer Journey

dal customer journey alla value proposition

Sulla base di quanto evidenziato, è possibile ritenere che solo osservando, analizzando e intervenendo nel customer journey che possiamo comprendere il reale processo di interazione del cliente con l’organizzazione. Solo una profonda cura del customer journey ci permetterà di soddisfare interamente i bisogni del cliente perchè saremo capaci di metterci nei suoi panni e guardare il mondo dal suo punto di vista!

Ecco perchè è importante integrare il customer journey e i touchpoint per individuare la value proposition.

Grazie Florindo! Una chiacchierata davvero molto ricca di spunti e confronto.

Da parte mia assolutamente entusiasmante visto che ho passato gli ultimi 8 anni a studiare, ideare, prototipare e testare un metodo che fossse incentrato proprio su questo approccio: il Business Model Journey.

vuoi definire la tua strategia di prezzo?

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

EVENTI POPOLARI

Presentazione Libro People Branding maggio 2018 Magneti Cowork Palermo

10 leggi e 10 casi, un libro e un workshop a Palermo

Un libro con le sue 10 storie di aziende e 10 leggi. Una testimonianza di una azienda in via di innovazione. Al centro un workshop Business Model Journey sulla brand identity

CASI POPOLARI

galdi backstage aziende in via di innovazione

Aziende in via di innovazione: il backstage dei video

Dalla nascita del Business Model Journey ho avuto la fortuna di incontrare molte persone e aziende in via di innovazione che hanno creduto in me e con le quali ho condiviso le fasi finali di prototipazione del metodo. Il backstage degli incontri con Galdi, Ditre e Anodica Trevigiana.

ARTICOLI POPOLARI

La teoria dei sei gradi di separazione

Teoria delle reti, Piccoli Mondi e sei gradi di separazione

Con l’informatizzazione di massa, la teoria dei sei gradi di separazione e cioè la teoria che sostiene che sono sufficienti sei soli passaggi per connettere tra di loro elementi anche lontanissimi, è stata applicata ad aree diverse da quella sociologica come alle reti informatiche

NEWS POPOLARI

libro People Branding work in progress

Dieci leggi, dieci casi e un libro in arrivo

Dieci leggi, dieci casi 10 imprese in via di innovazione. Il libro People Branding è in arrivo il 7 aprile per imprenditori, manager e consulenti che vogliono affrontare il mondo che cambia con approccio, metodo e strumenti dinamici.

Strategie di Prezzo

flow deck Business Model Journey
1. Qual è la qualità percepita del tuo prodotto, servizio, brand da parte del tuo cliente?
2. Quanto sensibili sono i tuoi clienti alle variazioni di prezzo?
3. Come si muove (oggi) il tuo mercato?
4. Che ruolo hai nel (tuo) mercato?
5. Il tuo prodotto o servizio in quale fase del ciclo di vita è?

Attenzione, è un questionario che serve per ragionare: usalo responsabilmente!